Perchè non ci importa nulla della “Equivalenza 35mm FF”?

Prendo spunto da un articolo di Jordan Steele, che ringrazio, per approfondire il tema delle ottiche “equivalenti”.

Con sensori più piccoli del 35 mm si sente spesso parlare di “equivalenza full frame” riferito a lunghezza focale o diaframma di un ottica. Questo spesso può essere fonte di grande confusione tra gli operatori e i fotografi, e può anche essere un elemento di derisione, in particolare per quanto riguarda “l’apertura equivalente”. Vorrei cercare di dare una visione chiara di ciò che realmente significa quando qualcuno parla di “equivalenza full frame”, così come sfatare diversi miti su di esso, e in ultima analisi, vorrei spiegare perché dico che se si riprende con un formato più piccolo, questa equivalenza non importa nulla.

Chiarisco alcuni punti:

  • Questo articolo non intende dimostrare superiorità di qualsiasi formato su un altro. Assolutamente. Non sto discutendo o affermando in alcun modo che le macchine full frame non hanno una migliore qualità di immagine di base rispetto alle macchine con un crop. 
  • Sono pienamente convinto che l’utilizzo di calcoli “equivalenza” ha perfettamente senso se si “ragiona” in 35 millimetri, e quindi è utile nella vostra mente fare calcoli per confrontare le lunghezze focali, o per la profondità di campo. Questo non è un argomento sull’utilizzo di ‘equivalenza’ come punto di riferimento.
  • L’articolo riguarda l’uso della “equivalenza full frame” per le persone che non hanno alcun motivo per fare riferimento a un formato che non utilizzano, e contro l’uso visto troppo spesso di ‘apertura equivalente’ e al fatto che si usa la profondità di campo minima come un elemento assoluto nel determinare la qualità di una lente.
  • L’articolo riguarda sia videomaker che fotografi, ma vale soprattutto per i primi dove il riferimento al 35mm full frame ha ancora meno senso.

Che cosa significa “Equivalenza Full frame”?

Prima di tutto, che cosa significa quando qualcuno parla di un sensore o obiettivo in termini di 35 millimetri o di equivalenza ‘full frame’? Beh, molto semplicemente, è un modo per confrontare l’angolo di campo, e recentemente, anche gli aspetti che riguardano la profondità di campo, tra un sensore full frame e un sensore con “crop”. Alcuni elementi importanti da conoscere:

  • Full Frame: Una camera full frame  ha un sensore della stessa dimensione di un fotogramma 35mm su pellicola. Per la precisione, 36mm di larghezza x 24mm di altezza.
  • Crop Sensor:Una camera con sensore che ha “crop”, come su molte reflex digitali (che utilizzano il formato APS-C) o il sensore Quattro Terzi (utilizzati in reflex Quattro Terzi e Micro 4/3 telecamere mirrorless), è semplicemente un sensore che è più piccolo di dimensioni rispetto a un sensore full frame. Anche i sensori delle cineprese digitali (RED, ALEXA, SONY ecc.) hanno un sensore più piccolo denominato “super 35” che corrisponde alla pellicola cinematografica, e quindi sono da considerare “crop sensor”
  • APS-C: APS-C  sta per “Advanced Photo System – Classic”, e significa un sensore (o fotocamera con quel sensore) con una dimensione fisica tra 22,2 millimetri x 14,8 millimetri e 23,6 millimetri x 15,7 mm.
  • Quattro terzi (Four-Thirds or 4/3): Le dimensioni del sensore utilizzato sulle reflex e fotocamere mirrorless Olympus e Panasonic (sia sistema 4/3 che Micro 4/3). Il sensore ha un aspect ratio di 4: 3  ed è grande 17,3 millimetri x 13mm
  • Angolo di campo (Field of view): L’angolo di vista che il sensore registra per una combinazione specifica telecamera e obiettivo. Ad esempio, un obiettivo 24 mm su Full frame ha un angolo diagonale di 84 °. Questo è l’angolo tra la parte superiore sinistra di quello che sta catturato dalla lente e sensore e basso a destra (o viceversa).

Guardate lo schema qui sotto. Vedrete le linee che mostrano gli angoli diagonali, orizzontali e verticali di vista. In questo schema, il rettangolo verde rappresenta l’immagine catturata da un sensore full frame. Se viene utilizzato lo stesso obiettivo, il rettangolo rosso rappresenta l’immagine catturata da una camera con crop. In pratica, verrà catturata semplicemente l’area centrale del cerchio dell’immagine proiettata dalla lente, ottenendo così un angolo più ristretto.

Equivalenza full frame e crop factor

Fattore di crop

Un termine che è stato introdotto da quando sono arrivate le DSLR è ‘fattore di crop,’ che serve a valutare la differenza di lunghezza focale necessaria per lo stesso campo di vista tra una camera con sensore più piccolo e una camera full frame. Il termine è stato coniato per aiutare a comprendere che quando si utilizzano obiettivi progettati per le fotocamere full frame su una fotocamera dotata di sensore con “crop”, il campo visivo è più stretto … un po’ come ritagliare la foto direttamente nella macchina fotografica.

Le prime reflex digitali utilizzavano sensori di dimensioni APS-C  perché costruire sensori digitali full frame ai tempi aveva un costo proibitivo ed era molto difficile. Poi con l’avanzare della tecnologia, i sensori di dimensioni APS-C sono diventati un buon compromesso tra immagini di alta qualità e costi di produzione inferiori.

Il fattore di crop di un sensore APS-C è 1.6x (Canon) o 1,5x (la maggior parte delle altre). Ciò significa che se si utilizza un obiettivo da 50 mm su una fotocamera APS-C, avrà lo stesso campo visivo di una lente 75 millimetri (50 x 1,5) su una fotocamera full frame. Il fattore di crop dei sensori 4/3 è 2x, quindi un obiettivo 25 millimetri su una fotocamera 4/3 o Micro 4/3 avrà lo stesso angolo di campo di un obiettivo da 50 mm su un sensore full frame.

Spesso mi capita di sentire “beh, se hai una camera con il crop, il 50 mm diventa un  75 millimetri” E’ assolutamente SBAGLIATO! La lunghezza focale è una proprietà dell’ OTTICA e solo ed ESCLUSIVAMENTE dell’OTTICA, e non cambia in alcun modo, indipendentemente su quale camera viene montata. L’unica cosa vera è che su una DSLR APS-C o una super35, un ottica da 50 mm avrà lo stesso campo visivo di una lente di 75 millimetri su una fotocamera full frame. Approfondiremo questo fra pochissimo.
Sensor_sizes

Il punto chiave da ricordare riguardo al fattore di crop è che è SOLO un punto di riferimento. Cioè, se sei abituato a fotografare con pellicola da 35 mm o una DSLR full frame, il fattore di crop ti aiuterà a scegliere un obiettivo di lunghezza focale che vi darà la stessa inquadratura che ti aspetti dalla tua esperienza con un obiettivo full frame. Se sai come si comporta un obiettivo da 50 mm, ora sai che hai bisogno di una lente di 33 millimetri su APS-C o un obiettivo 25 millimetri su 4/3 per ottenere lo stesso campo visivo. Questo è tutto. Non ha altro scopo. Ne riparleremo più avanti.

Apertura ‘equivalente’

Questa è una storia recente. Negli ultimi anni, la gente ha iniziato a mettere il fattore di crop in relazione con la cosiddetta ‘apertura equivalente.’ Cioè, si moltiplica l’F-stop di una lente per il fattore di crop per ottenere l ‘apertura equivalente’ di un obiettivo. Anche se questo ha qualche fondamento nella realtà, a mio parere è un grosso errore che devia in modo clamoroso la percezione della gente. E’ anche interessante notare che questo termine è nato solo quando le Micro 4/3 hanno iniziato ad essere sempre più sempre più diffuse … il problema non è mai stato sollevato per le DSLR APS-C. Su questo argomento si scatenano spesso i “fanboys”. Comunque, andiamo scavare più in profondità:

Alcune cose per quanto riguarda l’apertura:

  • L’apertura massima di un obiettivo è la dimensione effettiva dell’apertura che determina l’angolo del cono dei raggi di luce che penetrano nell’obiettivo. Questo valore è generalmente dato come rapporto tra la dimensione effettiva del foro e la lunghezza focale dell’obiettivo. Questo è chiamato f-stop. Se un obiettivo di 50mm ha una apertura massima di 25 mm, sarebbe una lente con f/2 (Lunghezza focale / apertura = 50/25 = 2). Il motivo è un segno di divisione è perché f/2 indica la dimensione di apertura è la lunghezza focale /2. (in questo caso, 25 mm.)
  • L’ f-stop è uno degli elementi chiave per una corretta esposizione. L’ intensità della luce che colpisce la pellicola o il sensore sarà la stessa per lo stesso f-stop, indipendentemente dalla lunghezza focale effettiva o la dimensione fisica dell’apertura. Se si dispone di un obiettivo da 200mm a f/2.8 e un obiettivo 18mm f/2,8, entrambi avranno la stessa intensità della luce che colpisce il sensore … lo stesso numero di fotoni per unità di superficie. Questo, combinato con la sensibilità ISO e la velocità dell’otturatore, aiuta a determinare cse l’immagine è chiara o scura, sovraesposta o sottoesposta. Un valore più elevato di f-stop significa un’apertura inferiore (ricordate, è un rapporto di divisione: f8 significa l’apertura è 1/8 della dimensione della lunghezza focale), il che significa che meno luce colpisce il sensore.
  • Uno ‘stop’ sta a indicare che l’esposizione è raddoppiata o dimezzata. Una differenza della radice quadrata di 2 è un stop. (1.4 è una buona approssimazione da usare). Quindi, da f /1.4 a f /2 è uno stop, come da  f /5.6 a f /8 (5.6 x 1.4 = 7.9, circa 8).
  • Profondità di campo: la profondità di campo (DOF) è la profondità di campo dove l’immagine appare a fuoco. La profondità di campo dipende da tre fattori: lunghezza focale, F-stop e Distanza Focale (distanza dal soggetto). Questi elementi sono tutti direttamente correlati. Infatti, a parità di INQUADRATURA del soggetto, tutti gli obiettivi avranno la stessa profondità di campo per lo stesso f-stop sullo stesso formato. Per capire questo, si consideri un ritratto in cui il soggetto è inquadrato con le parti superiori delle spalle nella parte inferiore dell’inquadratura, e la parte superiore della testa a destra in alto. Se inquadrare il soggetto con un obiettivo da 50 mm f/2, poi vi spostate indietro ad una distanza doppia da dove si stava originariamente e utilizzare un obiettivo da 100 mm f/2, la profondità di campo sarà lo stessa .
  • Background Blur: La quantità di sfocato dietro al soggetto. Utilizzando lenti  con grandi aperture, come f/1.4,OLYMPUS DIGITAL CAMERA si possono ottenere sfondi molto sfocati, mentre il soggetto rimane a fuoco. Mentre la sfocatura dello sfondo è legata alla profondità di campo, queste due non sono la stessa cosa. La sfocatura dello sfondo dipende dalle stesse tre cose della profondità di campo, ma in modo diverso. Mentre la profondità di campo è in funzione della distanza di messa a fuoco, f-stop e lunghezza focale, la sfocatura dello sfondo è dipendente solamente della distanza di messa a fuoco e dal valore di apertura fisica. I più matematici potrebbero affermare che dal momento che l’apertura fisica può essere determinata tramite la lunghezza focale e f-stop quindi le due cose sono uguali … ma il rapporto è diverso. Diamo un’occhiata a questo esempio dal punto di punto precedente. Mentre uno scatto a 50 millimetri a f/2 e uno scatto a 100mm f2 fatto dal doppio della distanza del 50mm avranno la stessa profondità di campo, lo scatto a 100mm avrà uno sfondo più SFOCATO. Perché? Mentre l’ f-stop è lo stesso tra un obiettivo 50 mm f/2 e un obiettivo 100mm f/2, l’obiettivo da 100 mm ha un’apertura fisicamente più grande (50 mm vs 25mm). Possiamo approfondire le ragioni per cui questo succede (in particolare, si ingrandisce l’area dietro il punto più con focale più lunga), ma la regola importante è che per la stessa distanza di messa a fuoco, le lenti con la stessa apertura fisica produrranno quantità simili di sfocatura dello sfondo.

Bene, dopo tutte queste divagazioni, cos’è allora questa “apertura equivalente” di cui si parla? In pratica, si riferisce alla comparazione tra la profondità di campo di una data combinazione di lenti e sensori. Cioè… è possibile moltiplicare l’f-stop per il fattore di crop per determinare che apertura su una camera full frame avrà la stessa profondità di campo.

Quindi, se riprendo un ritratto con una fotocamera Micro 4/3 e lente da 25mm f/1.4, l’angolo di campo, la profondità di campo e la quantità di sfocatura dello sfondo sarà la stessa come se avessi ripreso l’immagine nello stesso punto con una camera full frame e un obiettivo da 50 mm f/2.8. Poiché Micro 4/3 ha un fattore di crop pari a 2: 25mm x 2 = 50mm per lo stesso angolo di campo e f /(1,4 x 2) = f /2.8 per la stessa profondità di campo. Allo stesso modo, 25 mm / 1,4 = 17,9 millimetri di dimensione di apertura e 50mm / 2.8 = dimensione di apertura 17,9 millimetri (quindi stessa quantità di sfocatura dello sfondo alla stessa distanza di messa a fuoco).
Ciò significa che, a parità di parametri, un formato più piccolo in genere hanno MAGGIORE profondità di campo e meno sfocatura dello sfondo di un formato più grande. Ciò ha senso perché le camere con sensori più piccoli usano lunghezze focali più corte per lo stesso campo visivo, e quindi a parità di f-stop significa una dimensione più piccola di apertura fisica e quindi meno sfocatura.

Luce totale

Un dettaglio che alla gente piace sottolineare per difendere la “apertura equivalente” e che questa non solo da i parametri per ottenere una immagine simile, ma anche calcola la quantità di luce utilizzata per “creare” un’immagine. Ad esempio, un sensore full frame è 4 volte più grande  di un sensore micro 4/3. Quindi, a parità di f-stop, di intensità di luce (e di tempi di esposizione), la camera full frame utilizzerà quattro volte la quantità di luce  per creare l’immagine, perché questa incide su un area  volte più grande. Per un piccolo sensore per avere la stessa quantità di luce avremo bisogno di due stop di apertura in più, o due stop di ISO. Questa è la ragione per cui spesso si dice che i sensori full frame hanno migliori performance ad alti ISO rispetto ai sensori micro 4/3.

grafico_iso2

Tuttavia, questo rapporto lineare non è sempre vero nel mondo reale perché i sensori più piccoli sono più efficienti alla luce di quelli più grandi, ma anche perché si dovrebbe supporre che la tecnologia dei sensori sia identica. Se si guarda il grafico sopra, una comparazione DxO Mark, vedrete che se si confronta la GH4 con la Canon 5D Mark III, quest’ultima mostra circa 1 2/3 stop in meglio in termini di prestazioni ISO. Non due come ci si aspetterebbe. Si può dire che non è molto diverso, ma ci porta a parlare del punto seguente:

Confrontare diverse generazioni di sensori non è possibile e non ha senso, anche se i sostenitori di questa teoria non usano l’equivalenza quando si confrontano i sensori full frame di diverse generazioni. GH4 è solo uno stop dietro la Canon 5D Mark II … una camera che era utilizzatissima fino ad un anno fa, e ancora molto utilizzata. (Vedi grafico sopra).
Tutta la questione si riduce al fatto che è richiesto un miglioramento di 2x o 4x in qualità di immagine ISO. Tuttavia, questo è vero solo per approssimare come un  certo progetto o tecnologia di sensore può scalare le prestazioni con la dimensione, ma è sbagliatissima come equivalenza basata solo sulla dimensione del sensore senza tenere conto del cambiamento delle tecnologie nel corso del tempo e la costruzione del sensore differenti anche tra camere della stessa generazione.

Ora fatemi dire perchè tutto questo non ha alcuna importanza:

Pagina 1 di 212
16 Commenti
  1. Concordo sul punto di vista tecnico dell’articolo, ma formalmente, quando si lavora con ottiche che hanno un crop factor notevole (come il 2x della gh4) bisogna sapere che abbiamo a che fare con ottiche notevolmente diverse da quelle che pensiamo di usare.
    Non a caso sulle scatole delle Olympus micro 4/3 c’è scritta l’effettiva lunghezza focale, per esempio 45mm, e accanto c’è l’immagine di una pellicola, con scritto 90mm, tale da essere usata come riferimento.

    • william_fanelli

      Consentimi di non essere d’accordo. Il concetto stesso di “riferimento” serve a chi ha bisogno di “pensare” in termini di 35mm fotografico. Cosa significa ottiche diverse da quelle che “pensiamo” di usare? Sarebbe come dire che è necessario avere sempre i prezzi in lire altrimenti paghiamo cifre diverse da quelle che “pensiamo”. Questo è vero in un contesto in cui uno è abituato ad usare pellicola a 35mm. Non è affatto vero ad esempio nel mondo del cinema, dove le macchine hanno un crop comunque importante (1,5 X) e nessun direttore della fotografia pensa in termini di 35mm full frame. E perchè dovrebbe farlo? Da che mondo è mondo, al cinema il riferimento è il 35mm cinema, e non il full frame. Non è vero, ad esempio, per tutti gli operatori che usano telecamere da 1/3″ o simili, tant’è che non si sognano mai di fare i conti di che ottica sarebbe su FF il loro 4-40mm ad esempio.
      Insomma, come ho specificato nell’articolo, il concetto serve solo a chi già pensa, per qualche motivo, in termini di full frame. Tutti gli altri si complicano la vita per nulla.

  2. …. “Tutti gli altri si complicano la vita” … ricordo che l’equivalenza ha cmq una sua importaza perchè se no uno pensa che un 24 mm sia un grandangolo, quando invece, montandolo su una micro 4/3 si ritrova un 48 mm che è tutto tranne che grandangolo …

    • william_fanelli

      Se uno lo pensa si, ma perchè mai uno dovrebbe pensarlo? Ho scritto anche nell’articolo che non ho mai visto un DOP sul set di un film fare calcoli ed equivalenze, eppure le cineprese hanno il loro fattore di Crop. Uno usa un 35mm perchè sa cosa risulta dal 35mm, non un “35 mm che però equivale al 50mm…”
      Ripeto di nuovo che l’equivalenza serve solo a chi pensa sempre in termini di full frame. Agli altri non dovrebbe interessare.

  3. Complimenti per riuscire a sintetizzare gli argomenti trattati senza troppe semplificazioni. Sulle ragioni tecniche non posso che concordare, ma da un punto di vista “comportamentale” ognuno di noi ha appreso le tecniche fotografiche (ma le tecniche in generale) in un certo periodo della sua vita e la tecnologia di quel momento scolpisce in un certo qual modo il proprio punto di riferimento. Bisognerebbe avere la possibilità ad ogni evoluzione tecnica di riposizionarsi all’apprendimento con una nuova verginità che non è quasi mai possibile.

    • william_fanelli

      Infatti, è specificato nell’articolo che l’uso della equivalenza vale per chi “pensa” in 35mm. Tuttavia, sarebbe bene avere una visione più ampia. Non molti anni fa, un buon fotografo passava dal 10×12, al 6X6, al 6X9 e al 35mm senza mettersi a fare i conti. Semplicemente, sapeva che una certa ottica su quella macchina dava un certo risultato.
      Inoltre, qualunque DOP da cinema ragiona in 35mm, ma quello cinema e non sta a fare equivalenze.
      Per cui, ok che non si può avere una nuova “verginità” ad ogni evoluzione tecnica, ma considerare il 35mm full frame come un riferimento neanche fosse lo zero assoluto è pure profondamente sbagliato, ed è questa la mia tesi.
      Io uso una GH4 con metabones, e se mi mettessi ogni volta a fare i conti, per di più su un formato che non ho mai usato in vita mia se non anni e anni fa in pellicola, uscirei pazzo. Ora so che se un 35mm ho un risultato, se monto un 100 mm un’altro e se monto un 12mm un’altro ancora. Ma non ho idea, così al volo, di cosa corrisponda su full frame. Ne mi interessa.

      • Ciao William, pienamente d’accordo.In tutte le elucubrazioni a priori che si fa la gente, nessuno poi pensa al risultato, che è l’unico elemento che ci da una misura del nostro lavoro.Io ho di recente preso una Gh4.Volevo chiederti se la tua scelta del Metabones, con ottiche Canon suppongo, sia dovuta ad una prova sul campo, un confronto con le ottiche Lumix, o semplicemente perchè avevi già degli obiettivi di quel tipo.
        Tuoi particolari consigli sui settaggi della GH4?

        grazie,

        Giuseppe

  4. Complimenti per l’articolo, e sebbene non abbia le conoscenze specifiche, sono convinto che il fattore di crop e’ solo un falso problema almeno per il 95% dei casi.
    Vorrei pero’ chiederti una cortesia, se potresti fugare un dubbio che ho, con il riferimento agli obiettivi e diastanze e sfuocato, allora la domanda e’ la seguente, considerando due obiettivi, con le stesse componenti costruttive, uno 50 mm 1.8 e l’altro 100 mm 3.6, e’ possibile pensare che questi restituiranno lo stesso sfuocato ponendo il soggetto a uguale distanza dalla fotocamera, ma lo sfondo a distanza raddoppiata per il 100mm? spero di essere stato chiaro, un saluto.

    • william_fanelli

      Sei stato chiaro.
      Secondo me, posti gli obiettivi come descrivi, per avere lo stesso sfocato occorre pure mettere la macchina a distanza doppia, se non altro perchè altrimenti il soggetto è grande il doppio.
      Io però ho evitato ogni confronto variando le distanze, perchè chiaramente cambiando la distanza cambia anche la prospettiva e quindi l’immagine fotografata, per cui è poco confrontabile.

  5. Complimenti x l articolo molto ben fatto e scritto,ma mi sembra che su alcuni punti si esca un pochino dal seminato.l esigenza di avere un riferimento penso valga x tutti e non capisco la volontà di negarlo, il dire che il riferimento ,il termine di paragone , il full frame, sia la soluzione migliore è cosa diversa.ho macchine diverse , sia full frame che apsc ,da pollice ,la go Pro ecc e sinceramente avere la visione full frame mi aiuta e se un Po tutti lo usano sarà pure la risposta ad un bisogno collettivo di ” sincronizzazione”.saluti

    • william_fanelli

      Caro Pierluigi, l’articolo non si rivolge a chi usa molti formati fotografici, anche se prima dell’avvento del digitale non ho mai mai sentito un fotografo fare riferimento ad uno dei formati, pur usando 10×12, 6×6 o il 35mm che ai tempi era il peggiore di tutti.
      Oggi ognuno fa quello che vuole ma specialmente se si fa video il rapporto con il full frame è pure fuori luogo visto che nel cinema il formato principe non è certo il FF, e nella TV nemmeno.
      Non è nemmeno vero che lo usano “tutti”.
      Se si esce dal mondo prosumer dei matrimonialisti e simili poca gente fa i conti riferendosi al FF.
      Nessun DOP al cinema lo fa, ad esempio.

  6. Ho letto solo una piccolissima parte del tuo testo, non ti conosco, stavo cercando altro e Google mi ha portato qui.
    William, sembri essere un italo americano, ma se qui scrivi in italiano (bene) scrivilo dappertutto, quando possibile.

    Non mi riferisco a quei termini che è preferibile, se non addirittura necessario, mantenerli con la forma originale, in lingua inglese e che sono di fatto inseriti diffusamente nella lingua italiana ma anche in quasi tutte le altre …

    (però “crop” si potrebbe anche tradurlo con ‘ritaglio’ e “full frame” con ‘pieno formato’, già che le tue spiegazioni sono dirette ad un vasto pubblico e che non tutti conoscono l’inglese, comunque va bene anche così)

    … ma vedo che hai scritto almeno 2 volte “A camera” invece di ‘Una fotocamera’ !
    ————
    “• Full Frame: A camera full frame ha un sensore della stessa dimensione …”
    “• Crop Sensor: A camera con sensore che ha “crop”, come su molte reflex …”
    ————

    Perché?
    Ti è forse sfuggito di tradurre anche quello in italiano?
    E se correggi, aggiungi anche il ‘che’ mancante nella prima riga.

    • william_fanelli

      Ciao Claudio, ti ringrazio per le correzioni che provvedo subito a fare. Tutti gli articoli sono scritti abbastanza “di getto” è così di tanto in tanto c’è qualche refuso, talvolta causato pure dal correttore Android del tablet che talvolta uso a scrivere. Quando li vedo li correggo (capita ogni tanto), ben venga avere anche dei lettori attenti.
      No, sono italiano e non italoamericano come il nome potrebbe far pensare, ma in effetti alcuni passaggi di questo articolo sono do Jordan Steele che ho citato all’inizio per cui è possibile, anche se ora non ricordo, che i due “a camera” provengano da lì.
      In genere pure io odio usare termini inglesi quando esiste il perfetto corrispondente italiano, tuttavia nel caso di “crop” e “full frame” ho preferito/preferisco lasciare così. Vero è che mi rivolgo ad un vasto pubblico ma immagino saprai che i due termini sono nell’uso comume, direi quasi un tormentone, specialmente nell’ambiente dei video maker che sono il pubblico principale a cui mi rivolgo. Anzi sono così comuni che molti nemmeno sanno esattamente cosa significano – peraltro “full frame” o “pieno formato” che dir si voglia è un termine traditore, perché scritto così ha una valenza di assoluto che come avrai letto non approvo.
      Ti ringrazio e ti saluto.

  7. Grazie william,sono un direttore della fotografia e lavoro da quasi 40anni in video in 2\3 di pollice,sono assolutamente daccordo con te in ogni riga che hai scritto,da pochi anni mi sono avvicinato al super 35 (canon eos 100 e 300) macchine che trovo sorprendenti per il rapporto qualità prezzo e per l’effetto cinema e devo dirti che mi sono abituato velocemente al cambio di rapporto numerico delle focali,in fine dei conti io cerco una inquadratura non un numero qualunqe mezzo stia usando.
    Grazie per il tuo preciso lavoro mi appassiona e continuerò a leggerti.
    Ivan Mascagni

  8. Grazie William, ho scoperto il tuo blog per caso e l’ho apprezzato immediatamente. Come gli altri anche questo è un ottimo articolo: circostanziato e corretto.
    In sostanza un 25 mm si comporta da 25 mm su qualsiasi formato e quindi la profondità di fuoco risulta la stessa sia su un sensore a pieno formato così come su un sensore più piccolo. Pertanto, detto obiettivo, usato come normale su una Blackmagic 4K avrà la stessa profondità di fuoco e di campo di un grandangolo da 25 mm su una fotocamera 24 x 36. La conseguenza è che avrò più profondità di fuoco senza bisogno di chiudere il diaframma rispetto ad un obiettivo che abbia un angolo di campo simile su una fotocamera Full Frame. Giusto?
    Poi volevo chiederti come mai nel tuo articolo non hai messo in evidenza che il circolo di confusione è differente per ogni formato e che la sensazione di nitidezza varia con il variare del formato.
    Un ultima cosa, lo sfondo nero è molto elegante ma è difficile leggerti senza stancare la vista.
    Il tuo lavoro è preziosissimo, ti prego di non smettere mai.
    Roberto Filippini

    • william_fanelli

      Ciao, grazie per il commento. Ho scritto questo articolo perchè ero stufo di quelli che dicono “ho un 50mm DIVENTA un 100mm..:”, perchè la lunghezza focale non dipende dal target. Ovvio poi che l’inquadratura sarà simile a quella del 100mm su full frame, ma non tutto il resto. E poi, perchè fare sempre riferimento al full frame, come fosse lo zero assoluto?
      Riguardo al fondo nero, che posso dire? Pensa che lo trovo più riposante ed è proprio per questo che l’ho scelto, ma farò tesoro e proverò a cambiare prima o poi.

Lascia un commento

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi